Un nuage à croquer – zucchero filato, etimologia e teoria della traduzione

Quest’anno ho tutte classi nuove, che non sono “cresciute” nella curiosità francofila con me. Quindi vorrei in qualche modo portarcele, iniziarle alla gioia delle parole, delle storie delle parole, dell’importanza delle parole: i verbi, semmai, arriveranno. Così venerdì ho ceduto alla richiesta di una di queste nuove classi, un gruppo simpatico, che aveva buttato là, gentilmente, di fare una attività “pour Halloween”: pourquoi le demander au prof de français? C’est bien étrange, ça… Sorprendendo anche me stessa, li ho accontentati: ho iniziato a far vedere loro la mia passione del momento, “Jack et la mécanique du coeur”, il film musicale d’animazione tratto dal romanzo di Mathias Malzieu: è una storia di adolescenti innamorati e diversi, pronti a sfidare i casi della vita, un noir, gentile, molto fantasioso eppure un po’ reale.
E grazie a una ragazzetta che mangia zucchero filato rosa, il magico mondo delle parole e delle lingue e delle traduzioni si è rivelato!
– Un nuage à croquer?
– Tu parles de moi?
– Non, de ce que tu manges…
Qualcuno ha percepito “nuage”, probabilmente non hanno capito “croquer”, di sicuro però hanno colto “tu manges” e quindi: come si dice “zucchero filato”?, chiedono i ragazzini.
Finalmente!
In italiano è una parola un po’ banale, si dice il cosa (lo zucchero)e il come (filato), nessun riferimento alla forma, alla leggerezza, allo scricchiolio, ma poiché ci siamo abituati, non ci disturba troppo.
Il francese nemmeno rende merito a quella nuvola: “barbe-à-papa”; c’è un aspetto infantile, de dessin animé, e, nel mio immaginario, un aspetto un po’ sessuale…
Il resto dell’Europa aggiunge l’idea, anzi l’immagine dell’ovatta: “Zuckerwatte”, “algodon azucarado”, “algodão doce”, “vată de zahăr”, cioè “cotone dolce”, proprio come l’inglese: “cotton candy”…
Ma

Annunci

A plush president

Conservo ancora un orsetto di peluche che mi comprò mia nonna, da una bancarella di giocattoli che oggi non esiste più nella via pedonale di Sestri Ponente: un brutto, rigidissimo orsetto, col pelo pungente. Lo battezzai Miele, una metonia inconsapevole a 6 o 7 anni… Ci dormivo e lo vestivo, stava infilato senza troppa grazia tra il muro e la sponda del lettino. Con l’uso, il naso si era consumato e quindi Miele subì qualche intervento di ricostruzione “a ricamo”. Fino al giorno in cui ne comprai un altro, uguale, che,  però, mai sostituì il primo nel mio cuore. Li ho entrambi, ancora. Fino a che, l’anno scorso, non sono capitata su questo:  la vera storia del primo orsetto di peluche, o meglio the very first teddy bear ever. Nel 1902 Theodore Roosvelt, appassionato e fiero cacciatore, rifiutò di sparare a un cucciolo d’orso legato a un albero. Un cartoonist utilizzò la vicenda come metafora di non so quale fatto politico dell’epoca e l’orso che ne era protagonista diventò così famoso che i proprietari di quello che all’epoca era un negozio di caramelle pensarono di farne un pupazzo imbottito e chiesero anche al Presidente di poter usare il suo nomignolo,Teddy. And Mr. President agreed. L’orso si vendette come il pane, il negozio si trasformò in una fabbrica di giocattoli, il sogno americano trionfò.

image_2_39

Capito perché tutti gli orsi giocattolo si chiamassero Teddy, mi lasciai incuriosire dalla somiglianza tra “plush” et “peluche” e infatti ecco che si scopre che il “peluche” viene prima del “teddy bear”, come conferma l’Online Etymology Dictionary.

plush (adj.) “swank, luxurious,” 1927, from plush (n.). Plushy in this sense is recorded from 1923. Related: Plushly; plushness. plush (n.) “soft fabric,” 1590s, from Middle French pluche “shag, plush,” contraction of peluche “hairy fabric,” from Old French peluchier “to pull, to tug, to pluck” (the final process in weaving plush), from Vulgar Latin *piluccare “remove hair” (see pluck (v.)). Related: Plushy; plushness.

E orgogliosamente posso affermare che anche in questo oggetto, uno dei 101 che hanno fatto l’America, c’è qualcosa di francese.

20140723_102409

The Teddy Roosvelt tote bag canvas could be yours here.

Embrasse-la…

Une chanson de “La petite sirène” pour réviser:
– pronoms COD et COI
– impératif affirmatif et négatif

Voilà le texte:
Regarde-la, douce et fragile à la fois
Elle ne dit rien, elle se tait
Mais ton coeur brûle en secret
Tu ne sais pas pourquoi
Mais c´est plus fort que toi
Tu aimerais bien… l´embrasser
Tu rêvais d´elle
Tu l´attends depuis toujours
Si c´est un roman d´amour
Faut provoquer l´étincelle
Et les mots crois-moi
Pour ça, y´en a pas
Décide-toi, embrasse-la

Sha-la-la-la-la-la, il est intimidé
Il n´ose pas l´embrasser
Sha-la-la-la-la-la, s´il est sage
Ça serait vraiment dommage
Adieu la fiancée

Prends-lui la main
Dans la douceur du lagon
Décide-toi mon garçon
Et n´attends pas demain
Elle ne dit pas un mot
Et ne dira pas un mot
Avant d´être embrassée

Sha-la-la-la-la-la, n´aies pas peur
Ne pense qu´au bonheur
Vas-y, oui, embrasse-la
Sha-la-la-la-la-la, n´hésite pas
Puisque tu sais que toi
Toi, tu ne penses qu´à ça
Sha-la-la-la-la-la, c´est si bon
Écoute la chanson
Décide-toi, embrasse-la
Sha-la-la-la-la-la, vas-y fais vite
Écoute la musique
Dépêche-toi, embrasse-la
Embrasse-la, embrasse-la, embrasse-la…
Allez, vas-y, embrasse-la…

Grammaire: points de repère…

Osserva la tabella: contiene tutti i pronomi personali che abbiamo studiato.
In particolare ti interessano, ora, i pronomi COD e i pronomi COI.

Pronomi Personali

Soggetto

Tonici Complemento

Riflessivi

COD
complemento oggetto diretto

COI
complemento oggetto indiretto

JE

MOI

ME

ME

ME

TU

TOI

TE

TE

TE

IL / ELLE / ON

LUI / ELLE

SE

LE / LA / L’

LUI

NOUS

NOUS

NOUS

NOUS

NOUS

VOUS

VOUS

VOUS

VOUS

VOUS

ILS / ELLES

EUX / ELLES

SE

LES

LEUR

I pronomi COD sostituiscono il COD – complément d’objet direct, cioè il complemento oggetto.
I pronomi COI sostituiscono il COI – complément d’objet indirect, cioè il complemento di termine.
EXEMPLES:
Egli guarda ME = egli MI guarda  = Il ME regarde
Io mangio il panino = io LO mangio  = Je LE mange
Tu parli A NOI = tu CI parli    = Tu NOUS parles
Lei racconta A LUI = Lei GLI racconta  = Elle LUI raconte
Lui racconta A LEI = Lui LE racconta  = Il LUI raconte

Quando i pronomi COD e COI accompagnano un verbo all’imperativo affermativo, la loro posizione cambia; i pronomi stanno allora dopo il verbo, collegati a questo da un «trait d’union», cioè da un « – ».
Se il verbo è all’imperativo negativo, i pronomi COD e COI ritornano nella loro posizione abituale, cioè davanti alla forma verbale cui si riferiscono.

ATTENZIONE: I pronomi personali ME e TE, che possono essere sia pronomi COD che pronomi COI, quando seguono il verbo cui si riferiscono cambiano forma e diventano MOI e TOI.
EXEMPLES:
Guarda ME = GuardaMI = Regarde-MOI
Parlate A NOI = Parlateci = Parlez-NOUS
Non guardare ME = Non guardarMI = Ne ME regarde pas
Non parlate a NOI = Non parlateCI = Ne NOUS parlez pas

Adesso una veloce revisione dell’imperativo…
L’IMPERATIVO, in genere, si usa per esprimere l’obbligo, il dovere e il divieto e per dare istruzioni operative oppure, come in questa canzone, può essere utilizzato per esortare qualcuno o dare consigli.
Si forma partendo dal presente indicativo dei verbi; può essere espresso soltanto in 3 persone: TU, NOUS, VOUS; il soggetto deve essere eliminato.

EX: PRESENT                                  IMPERATIF
Je réponds
Tu réponds                                         Réponds!
Il/elle répond
Nous répondons                                Répondons!
Vous répondez                                  Répondez!
Ils/elles répondent

Se si tratta di un verbo del 1° gruppo (infinitif en -ER), la seconda persona singolare (TU) perde la «S»
EX: PRESENT                              IMPERATIF
Je chante
Tu chantes                                    Chante!
Il/elle chante
Nous chantons                             Chantons!
Vous chantez                               Chantez!
Ils/elles chantent

La forma negativa si forma secondo la regola
EX: NE chante PAS
NE parlons PLUS
NE touchez RIEN

Come si è già detto parlando dei pronomi COD e COI e quindi anche nell’imperativo dei verbi riflessivi, la particella pronominale viene posposta e in certi casi cambia forma:
EX: Tu t’amuses                          Amuse-toi!
Nous nous amusons                   Amusons-nous!
Vous vous amusez                     Amusez-vous!

Attenzione però!
Amuse-toi                                            Ne T’amuse pas!
Amusons-nous!                                   Ne NOUS amusons pas!
Amusez-vous!                                     Ne VOUS amusez pas!

Très bien! Vous avez regardé la vidéo, écouté la chanson et révisé les règles de grammaire: à vous maintenant, profitez des conseils de Sébastien pour améliorer votre français.

1. Retrouvez dans le texte toutes les petites phrases qui contiennent un pronoms COD, COI ou bien refléchi:

Regarde-la / Tu aimerais bien… l’embrasser /

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

2. Maintenant essayez de LES classer selon l’exemple ci-dessous:

Regarde-la:          “la”= la petite sirène, Ariel / pronom COD

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

3. Et si c’était Ariel qui prenait l’initiative? Quels seraient alors les conseils de Sébastien? Tournez les petites phrases au masculin:

Regarde-la         =     Regarde-LE

Tu aimerais bien l’embrasser     =    …………………………………………

………………………………………….   =   ………………………………………….

………………………………………….   =   ………………………………………….

………………………………………….   =   ………………………………………….

………………………………………….   =   ………………………………………….

………………………………………….   =   ………………………………………….

4. Et si Sébastien était jaloux? Ils ne donnerait pas de bons conseils au prince, au contraire… Transformez les petites phrases à la forme négative. Donc il dirait:

Regarde-la   =   Ne LA regarde pas

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

5. Maintenant retrouvez toutes les formes d’impératif affirmatif ou négatif qui ne contiennet pas de pronoms:

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

6. Traduisez-les en italien. Vous remarquez quelque chose? Est-ce qu’il y a une ou deux formes verbales “bizarres”? Lesquelles? Pourquoi?

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

…………………………………………………………….

Les formes verbales “bizarres” sont …………………………….

et ………………………………………………………….

parce que ……………………………………………………

ariel et eric

Et ils vécurent heureux et ils eurent beaucoup d’enfants…

Why Can’t the English?

Mr Higgins si interroga su quanti “inglesi” diversi ci sono e su quale inglese si debba pronunciare per non finire, nel migliore dei casi, a vendere violette per strada.
Ho ripensato a questa canzone dopo aver letto un articolo di glottodidattica che rifletteva sull’esigenza – rivelatasi a questo punto fittizia – di avere scambi linguistici con madrelinguisti:
chi può essere considerato un parlante nativo di una lingua?
e perché fare l’orecchio proprio alla sua pronuncia quando il 50% almeno delle nostre interazioni avverranno con parlanti non nativi?
Ma nella canzone ci sono, per me, almeno altri due motivi di interesse.
Uno è la frase geniale a proposito dei francesi e del francese: In Francia ogni francese conosce la sua lingua dalla “A” alla “Z”, anche se non si preoccupa tanto di quel che dice quanto di averlo pronunciato bene!
E per finire l’altro: la battuta di Mr Higgins che, nella versione del film doppiata in italiano, dice qualcosa come: Sei mesi e potrei trasformare questo ignobile sacchetto di stracci in una duchessa.
Bene, non so come mai, ma nel mio lessico famigliare si mantiene viva quell’espressione e spesso “l’ignobile sacchetto di stracci” sono io!
In attesa della trasformazione in duchessa, enjoy it!


Henry: – Look at her, a prisoner of the gutter,
Condemned by every syllable she ever uttered.
By law she should be taken out and hung,
For the cold-blooded murder of the English tongue.
Eliza:- Aaoooww!

Henry imitating her: – Aaoooww! Heaven’s! What a noise!
This is what the British population,
Calls an elementary education.

Pickering:- Oh, I think you picked a poor example.

Henry: – Did I? Hear them down in Soho square,
Dropping “h’s” everywhere.
Speaking English anyway they like.
You sir, did you go to school?
Man: – Wadaya tike me for, a fool?
Henry: – No one taught him ‘take’ instead of ‘tike!
Why can’t the English teach their children how to speak?
This verbal class distinction, by now,
Should be antique. If you spoke as she does, sir,
Instead of the way you do,
Why, you might be selling flowers, too!
Hear a Yorkshireman, or worse,
Hear a Cornishman converse,
I’d rather hear a choir singing flat.
Chickens cackling in a barn Just like this one!

Eliza: – Garn!

Henry: – I ask you, sir, what sort of word is that?
It’s “Aoooow” and “Garn” that keep her in her place.
Not her wretched clothes and dirty face.
Why can’t the English teach their children how to speak?
This verbal class distinction by now should be antique.
If you spoke as she does, sir, Instead of the way you do,
Why, you might be selling flowers, too.
An Englishman’s way of speaking absolutely classifies him,
The moment he talks he makes some other
Englishman despise him.
One common language I’m afraid we’ll never get.
Oh, why can’t the English learn to set
A good example to people whose
English is painful to your ears?
The Scotch and the Irish leave you close to tears.
There even are places where English completely
disappears. In America, they haven’t used it for years!
Why can’t the English teach their children how to speak?
Norwegians learn Norwegian; the Greeks have taught their
Greek. In France every Frenchman knows
his language fro “A” to “Zed”
The French never care what they do, actually,
as long as they pronounce in properly.
Arabians learn Arabian with the speed of summer lightning.
And Hebrews learn it backwards,
which is absolutely frightening.
But use proper English you’re regarded as a freak.
Why can’t the English,
Why can’t the English learn to speak?

Il paradosso del croissant

croissant

Il croissant è ontologicamente francese, anzi parigino: “Notre alimentation est à base de… croissants!”

C nonostante, basta una breve frequentazione non solo delle boulangerie ma anche, semplicemente, delle buvette da stazione di metro, per accorgersi che il croissant è solo uno tra tanti: se ne sta lì, tra pain au chocolat, chausson aux pommes, pain aux raisins e… brioche! E tra l’altro se ne sta lì in incognito: si fa chiamare “viennoiserie”…

Sembra già strano che la quintessenza del mattino parigino, ‘la substantifique moelle’ d’un petit-déjeuner comme il faut, venga definita “vienneseria”: un cliché gastronomico che ne annichilisce uno morale, cioè quello dello chauvinismo, sarà mai possibile?
Ancora più strano se, dopo una, nemmeno difficile, ricerca si scopre che il croissant sarebbe una vienneseria di origine turca…

Nel 1683 l’esercito ottomano cerca ancora una volta di attaccare Vienna; decisi a forzare le mura della città, i turchi pensano di agire la notte, ma sottovalutano l’attenzione patriottica dei fornai dell’asburgica capitale, che sentono i rumori, scoprono le manovre, danno l’allerta e contribuiscono alla salvezza della città e alla vittoria sui turchi. Per celebrare l’avvenimento, verranno preparati dei piccoli pani, “Hörnchen” letteralmente ‘cornetti’, in forma di mezza luna, la stessa che sta sulla bandiera turca: i turchi, noi, ce li mangiamo a colazione!
E a rinforzo della correttezza di questa ontogenesi turca del croissant, ci sono anche un paio di leggende parallele. In una si racconta che i pasticceri al seguito dei vari sultani, una volta catturati, avessero insegnato ai colleghi viennesi queste loro ricette di dolcetti “a mezza luna”.Kolschitzky
In un’altra che i turchi avessero lasciato, nella fuga, dei sacchi di caffè, prontamente recuperati dal gestore di un caffè, appunto, tal Herr Kolschitzky, che avrebbe preso l’abitudine di servirlo accompagnato da un dolcetto-cornetto: eccolo, dunque, all’angolo dell’omonima Gasse viennese, vestito “à la turcque”, che ci serve un caffè, a imperitura memoria.
Verso il 1770 Marie Antoinette porta con sé da Vienna l’abitudine di questi pani dolci, “viennoiserie” appunto; sebbene la celebre frase è ormai noto a tutti sia una bufala storica, filologicamente parlando, la regina avrebbe forse più facilmente detto: “Il popolo non ha pane? Che mangino Hörnchen”.
Bisogna però aspettare l’inizio del ‘900 perché i croissant prendano la consistenza “feuillettée pur beurre” che ce li fa amare oggi.
“En défense et illustration de la pâtisserie française”, però, arriva la testimonianza di un banchetto offerto dalla regina di Francia, direi Caterina de’ Medici, nel 1549, in cui si elencano “quarante gâteaux en croissant”: pare si volesse ricordare l’alleanza stretta qualche tempo prima, nel 1536, dal re François 1er con Solimano il Magnifico, il Gran Turco, contro il cattolicissimo Carlo V…

A questo punto, si capisce come mai deve passare un po’ di tempo perché un qualsiasi studente di francese faccia la pace con quanto appena raccontato, “il paradosso del croissant”!

 

Encore une fois, merci à M. Villain.