Le pudding à l’arsenic

Questa attività FLE utilizza il testo di una delle canzoni presenti nel film: “Astérix et Cléopatre”.
Nel 1968 Astérix e Obélix aiutano Cleopatra nella costruzione di un grande palazzo per vincere una sfida lanciata da Giulio Cesare.
L’architetto di Giulio Cesare, per eliminare definitivamente i due vigorosissimi Galli, decide di preparare un dolce avvelenato e di farlo recapitare a nome loro a Cleopatra; nessun rischio per lei, grazie all’abituale assaggio del ciccione assaggiatore, ma sicuramente la morte per Astérix e Obélix, accusati (ingiustamente, ma lo sappiamo soltanto noi spettatori e l’architetto maligno…) di tentato “cleopatricidio”…

LE PUDDING À L’ARSENIC
Tiré du film « Astérix et Cléopâtre »

Activités pour la révision de :
-articles partitifs
-expressions et adverbes de quantité
-lexique (mi-sérieux) de la cuisine : ingrédients et ustensiles
-impératif
-civilisation: spécialités françaises, bandes dessinées, histoire de la France et des Gaulois…

Le texte
Dans un grand bol de strychnine
Délayez de la morphine
Faites tiédir à la casserole
Un bon verre de pétrole…
Hoho, je vais en mettre deux.

Quelques gouttes de cigue
De la bave de sangsue
Un scorpion coupé très fin
– Et un peu de poivre en grains !
– Nooon !
– Ah? Bon…

Emiettez votre arsenic
Dans un verre de narcotique
Deux cuillères de purgatif
Qu’on fait bouillir à feu vif…
– Hoho, je vais en mettre trois.

Dans un petit plat à part
Tiédir du sang de lézard
La valeur d’un dé à coudre
– Et un peu de sucre en poudre !
– NON !
– Ah? Bon.

Délayez la mort-aux-rats
Dans du venin de cobra
Pour adoucir le mélange
Pressez trois quartiers d’orange…
– Hoho, je vais en mettre un seul.

Décorez de fruits confits
Moisis dans du vert-de-gris
Tant que votre pâte est molle
– Et un peu de vitriol !
– NON… OUIIIIIIIII !!!
– Aaah… Je savais bien qu’ça serait bon.

Ce pudding à l’arsenic
Nous permet ce pronostic
Demain sur les bords du Nil
Que mangeront les crocodiles ?
DES GAU-LOIIIIIIS !

1.    Il « partitivo » serve per indicare una parte di qualcosa che si usa, si acquista, si mangia. 
Si usa articolato secondo genere e numero nelle frasi affermative:

  • Je mange DU chocolat
  • Il achète DE LA farine
  • Nous buvons DE L’eau minérale
  • Tu veux DES biscuits?

Nelle frasi negative o quando preceduto da espressioni e avverbi di quantità, si usa il partitivo semplice:

  • Je ne mange pas DE chocolat
  • Il n’achète pas DE farine
  • Nous buvons BEAUCOUP, UN VERRE, UN LITRE… D’eau minérale
  • Tu veux UN KILO, UN PEU, UNE DOUZAINE… DE biscuits ?

1.1    Retrouve dans le texte de la chanson des exemples de partitif et de partitif simple : recopie les phrases entières.
……………………………………………………..
……………………………………………………..
……………………………………………………..

1.2    Transforme les phrases suivantes à la forme négative.
Dans un grand bol de strychnine, délayez de la morphine.
……………………………………………………………………………………

Dans un petit plat à part, faites tiédir du sang de lézard.
……………………………………………………………………………………

Utilisez de la bave de sangsue.
……………………………………………………………………………………

1. 3    Voilà la liste des ingrédients utilisés dans la préparation du pudding. Il y a des ingrédients bien « étranges » et des ingrédients qu’on peut utiliser pour de vrai dans une bonne recette. Tu les reconnais ? Souligne en rouge les ingrédients « étranges » et en bleu les « bons ».

De la strychnine, de la morphine, du pétrole, de la cigue, de la bave de sangsue, un scorpion, du poivre en grains, de l’arsenic, du narcotique, du purgatif, du sang de lézard, du sucre en poudre, de la mort-aux-rats, du venin de cobra, trois quartiers d’orange, des fruits confits, du vert-de-gris, du vitriol…

1.4    Retrouve dans le texte le noms des ustensiles qu’on peut utiliser en cuisine.
On peut utiliser :
un grand bol,
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………

1.5    Retrouve dans le texte tous les verbes qu’on peut utiliser quand on fait la cuisine.
Délayez…
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………

2.    Beaucoup de ces formes verbales sont conjuguées à l’impératif – Molte di queste forme verbali sono coniugate all'”imperativo”…
L’imperativo, in genere, si usa per esprimere l’OBBLIGO, il DOVERE e il DIVIETO e per dare istruzioni operative.
Si forma partendo dal presente indicativo dei verbi; può essere espresso soltanto in 3 persone: TU, NOUS, VOUS; il soggetto deve essere eliminato.
EX: PRESENT                                  IMPERATIF
Je réponds
Tu réponds                                        Réponds!
Il/elle répond
Nous répondons                                Répondons!
Vous répondez                                  Répondez!
Ils/elles répondent

Se si tratta di un verbo del 1° gruppo (infinitif en -ER), la seconda persona singolare (TU) perde la «S»
EX: PRESENT                              IMPERATIF
Je chante
Tu chantes                                    Chante!
Il/elle chante
Nous chantons                             Chantons!
Vous chantez                               Chantez!
Ils/elles chantent

Nell’imperativo dei verbi riflessivi, la particella riflessiva viene posposta e quella di seconda persona singolare cambia forma
EX: Tu t’amuses                           Amuse-toi!
Nous nous amusons                    Amusons-nous!
Vous vous amusez                      Amusez-vous!

La forma negativa si forma secondo la regola
EX: NE chante PAS
NE parlons PLUS
NE touchez RIEN

Attenzione però!
Amuse-toi                                            Ne T’amuse pas!
Amusons-nous!                                   Ne NOUS amusons pas!
Amusez-vous!                                     Ne VOUS amusez pas!

2.1    Retrouve dans le texte toutes les formes d’impératif
………………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………
……………………………………………………………………………………

2.2    Tu donnes à ton ami/e des indications pour bien réussir une recette. Transforme les phrases suivantes à l’impératif (tu)

Il faut utiliser de la strychnine
……………………………………………………………………………………

Tu dois couper un scorpion très finement
……………………………………………………………………………………

Il faut émietter l’arsenic
……………………………………………………………………………………

Il n’est pas nécessaire de presser trois quartiers d’orange
……………………………………………………………………………………

Tu dois décorer avec des fruits confits
……………………………………………………………………………………

Il ne faut pas mettre de sucre dans le mélange
……………………………………………………………………………………

La “civilisation” può essere veicolata in vari modi, soprattutto in relazione alla classe target delle attività; qualche altro articolo sarà di “contorno” a questo. Nel mentre cercherò di capire come avere una versione scaricabile dell’attività.

Quindi: “Le pudding à l’arsenic nous permet ce pronostic, demain dans cette classe de FLE, que parleront nos élèves? Le fraaan-çaaaaiiiiiissssss!”

Annunci

Necrologio per l’ultimo dodo

Allora è un uccello ma non vola; sembra un tacchino senza bargigli, ma chissà mai se quelle immagini e descrizioni, la maggior parte del XVII secolo, sono veritiere, considerato che pochissime furono fatte sulla base di esemplari in carne, piume e ossa (cave); ha un bel nome scientifico, raphus cucullatus, ma che gli fu dato da Linneo soltanto nel 1758, cioè – ahinoi – a dodo estinto.
Però famoso è famoso: una sua bella foto qui
Nativo delle isole Mauritius, scoperte dai Portoghesi, visitate dagli Arabi, ma colonizzate per primi dagli Olandesi, il “dodo” ha un nome davvero strano. Non male la versione onomatopeica, in cui il ‘doo – doo’, altro non sarebbe che un ‘cock-a-doodle-doo’ arcaico e isolano. Secondo un’altra ipotesi etimologica, su base olandese, “dodo” verrebbe da ‘dodoor’, pigrone, dormiglione; ma perché dare del fannullone a un uccello con un’esistenza già di per sé difficile, che non sa (più) volare, depone le uova per terra e finisce con l’essere una facile preda per animali e umani, che però non lo trovano nemmeno troppo gustoso? Credo sia ingiusto, ecco.
La mia etimologia preferita, quindi, è quella che fa derivare il nome da ‘doudo’, forma antica del portoghese ‘doido’, matto, sciocco, scemo. Già…

Tant’è il dodo è l’animale estinto per eccellenza, forse perché si è estinto davvero da poco tempo, sicuramente ben dopo l’Era Glaciale;

anzi: quando nel 1865 LewisCarroll ne fa un abitante del suo Wonderland era già estinto da un po’ e si stavano appunto pubblicando i risultati degli studi sui ritrovamenti fossili dei ‘dodo’.

Da quanto si era estinto, dunque, l’ultimo dodo, vi chiederete subito tutti voi? E come si fa a saperlo? Bene, io me lo sono chiesto leggendo Douglas Adams:

(…) ‘So what’s the great attraction here?’ said Dirk.
‘It’s not, I have to confess, what I was expecting. Very nice in its way, of course, all this nature, but I’m a city boy myself, I’m afraid.’
He cleaned his glasses once again and pushed them back up his nose. He started backwards at what he saw, and heard a strange little chuckle from Reg. Just in front of the door back into Reg’s room, the most extraordinary confrontation was taking place.
A large cross bird was looking at Richard and Richard was looking at a large cross bird. Richard was looking at the bird as if it was the most extraordinary thing he had ever seen in his life, and the bird was looking at Richard as if defying him to find its beak even remotely funny. Once it had satisfied itself that Richard did not intend to laugh, the bird regarded him instead with a sort of grim irritable tolerance and wondered if he was just going to stand there or actually do something useful and feed it. It padded a couple of steps back and a couple of steps to the side and then just a single step forward again, on great waddling yellow feet. It then looked at him again, impatiently, and squarked an impatient squark.
The bird then bent forward and scraped its great absurd red beak across the ground as if to give Richard the idea that this might be a good area to look for things to give it to eat.
‘It eats the nuts of the calvaria tree,’ called out Reg to Richard.
The big bird looked sharply up at Reg in annoyance, as if to say that it was perfectly clear to any idiot what it ate. It then looked back at Richard once more and stuck its head on one side as if it had suddenly been struck by the thought that perhaps it was an idiot it had to deal with, and that it might need to reconsider its strategy accordingly.
‘There are one or two on the ground behind you,’ called Reg softly.
In a trance of astonishment Richard turned awkwardly and saw one or two large nuts lying on the ground. He bent and picked one up, glancing up at Reg, who gave him a reassuring nod.
Tentatively Richard held the thing out to the bird, which leant forward and pecked it sharply from between his fingers. Then, because Richard’s hand was still stretched out, the bird knocked it irritably aside with its beak. Once Richard had withdrawn to a respectful distance, it stretched its neck up, closed its large yellow eyes and seemed to gargle gracelessly as it shook the nut down its neck into its maw.
It appeared then to be at least partially satisfied.
Whereas before it had been a cross dodo, it was at least now a cross, fed dodo, which was probably about as much as it could hope for in this life. It made a slow, waddling, on-the-spot turn and padded back into the forest whence it had come, as if defying Richard to find the little tuft of curly feathers stuck up on top of its backside even remotely funny.
‘I only come to look,’ said Reg in a small voice, and glancing at him Dirk was discomfited to see that the old man’s eyes were brimming with tears which he quickly brushed away.
‘Really, it is not for me to interfere’Richard came scurrying breathlessly up to them.
‘Was that a dodo?’ he exclaimed.
‘Yes,’ said Reg, ‘one of only three left at this time. The year is 1676. They will all be dead within four years, and after that no one will ever see them again. Come,’ he said, ‘let us go.’ (…)

Insomma, il professor Urban Chronotis, docente di “cronologia”, era un gran curiosone, proprio come Douglas Adams, che, ambientalista, ecologista e amico di naturalisti, si interessava di grandi scimmie, rinoceronti e specie in estinzione. O ricordava con affetto quelle già estinte, come il dodo, appunto. Tutto vero, dunque, o almeno estremamente verosimile: nel 1676 ne rimanevano tre, sarebbero scomparsi tutti nell’arco di quattro anni; le noci che mangiavano altro non erano che i grossi semi di una pianta locale:

gli alberi di “tambalacoque” contati alla fine del xx secolo erano pochi e molto antichi, vecchi di circa 300 anni, cioè vecchi come le ultime ‘digestioni’ (o meglio ‘cacche’) degli ultimissimi dodo, già, perché il tamabalacoque è detto proprio ‘albero del dodo’…

Insomma anche se i francesi dicono “metro, boulot, dodo”, il dodo di cui ho parlato non è quello: dopo una giornata cominciata in metro, passata al lavoro, uno magari si sente “dead as a dodo”, soprattutto se non ha prospettive di carriera e quindi, mestamente, “go the way of the dodo”, ma niente nanna. Piuttosto una bella “corsa essicante”, a caucus race, la gara del comitato, un termine politicamente ancora in auge: tutti la vincono, nessuno la perde, premi a ognuno. 
Un’ultima curiosità: pare che ‘causus’ possa derivare da due parole in algonquino ‘cau´-cau-as´u’, consiglio o ‘cawaassough’, consigliere.

Thanks to Mr. Douglas Adams.
“Dirk Gently’s Holistic Detective Agency” è scaricabile qui

“It is a mistake to think you can solve any major problems just with potatoes.” Life, Universe and Everything – Douglas Adams

J’aime…, je n’aime pas…: exprimer ses goûts et ses préférences.
Immancabilmente, in classe, a questa domanda, il cibo la fa da padrone (con il calcio, ovvio) e, tra i vari cibi, vincono le patatine.
Si pone dunque la questione: come si dice “patatine” in francese? E poi si apre il dibattito: sì, ma per “patatine” intendiamo quelle nel sacchetto, tonde e sottili, o quelle nel cartoccio, parallelepipedi di bontà? 
Nemmeno la saggezza di Douglas Adams ci viene in aiuto. Io sono una di quelli che davanti ai grandi problemi ‘della vita, dell’universo e di tutto quanto’ fa spesso ricorso alle patatine, ma nemmeno 
The hitchhikers guide to the galaxy risolve la questione: dice semplicemente ‘potatoes’, mentre in italiano c’è un fuorviante ‘patate fritte’… In realtà poi, nel romanzo, non si parla nemmeno di mangiarle quelle patate, che non erano altro che lo sfogo a calci, pugni e pistolettate di una razza aliena quanto mai aggressiva.

Mais revenons à nos tubercules: comment dit-on “patatine” en français? Alors, on dit “frites” quand elles sont coupées en forme allongée, en bâtonnet, on dit “chips” quand elles sont en rondelles super fines. 
Ma allora che cosa mangiano gli inglesi? Le loro “chips” sono vere e proprie “frites”: che lo abbiano stabilito per salvarsi dall’allitterazione di un eventuale ‘fish & frites’? Quelle tonde da sacchetto invece sono “crisps”.


I tedeschi le chiamano “Pommes frites”: la scelta denota un silenzioso omaggio alla gastronomia dell’Esagono e dunque si potrebbe pensare di riformulare il loro scioglilingua in un francofilo “Der Fischer Fritz frische Frites frischt”. Quelle nei sacchetti saranno delle tranquillissime “Kartoffelnchips” o solo “Chips”.
Per saperne di più su ‘Kartoffeln’ e ‘pommes de terres’, godetevi questo 

Negli USA le patate a bastoncino sono francesi e si chiamano “french fries”: secondo una certa mitologia sui presidenti americani, pare che Thomas Jefferson amasse le patate fritte alla francese, preparate dal suo cuoco francese, appunto; Napoleone gli vende la Louisiana nel 1801 e da allora le ‘frites’ accompagneranno l”hamburger’ (e si ritorna in Germania…): insomma di native american non c’è nulla.


Un’altra versione ritarda la nascita del termine americano alla I Guerra Mondiale: i soldati americani avrebbero assaggiato le patate fritte in Belgio, ma visto che lì si parlava francese tanto valeva chiamarle ‘french fries’. 

Anche perché alcuni sostengono proprio un’origine belga, e pure molto antica, delle ‘frites’. La Mosa forniva ai pescatori belgi un pescato di pesciolini, “le menu fretin” che veniva fritto e accompagnava i loro modesti pranzi. Certo, in inverno, con la Mosa gelata, la pesca diventava difficile e allora si prese l’abitudine di friggere delle patate, tagliate in una forma simile a quella dei pesciolini: ecco.
Ma quelli che invece gustano nelle ‘frites’ “une des plus spirituelles créations du génie parisien”, per dirla col gastronomo Curnonsky, le fanno nascere sotto il Pont Neuf durante la Rivoluzione Francese: e infatti ecco che in una tassonomia della ‘frite’, organizzata sulla base dello spessore del bastoncino, compare la “frite Pont Neuf”, 1 cm…

Allontaniamoci dall’Occidente per scoprire che anche in Giappone alle patate fritte si riconosce un’origine straniera, al punto che il loro nome sarà scritto nell’alfabeto katakana, quello appunto usate per dare una forma leggibile ai prestiti linguistici.
Ecco a voi dunque le “フライド ポテト”, furaido poteto, patate fritte e le “ポテトチップス”, poteto chippuse, quelle da sacchetto: ‘frite’, ‘fried’, ‘furaido’ ovvero scivolamenti progressivi del sapore.

Merci à M. Cedric Villain pour sa vidéo “Cliché!”

La retorica del “pistolotto”

Quando qualcosa a scuola non va, mi capita di dire “Ragazzi, due parole…”. Oggi questo mio modo è risuonato come l’incipit di un trattato sulla retorica del pistolotto, proprio così, ho detto “pistolotto”
Stupore, risatine, bisbigli e sguardi.
Ma poi ho capito: pistolotto, pistolino, pisello. E non solo: pistolotto, ramanzina, lavata di capo, menata. Insomma per gli adolescenti con cui passo le giornate, tutto doveva necessariamente avere un risvolto sessuale, seppur molto soft e un po’ infantile. Così mi sono buttata sull’etimologia: ecco.

“Pistolotto”, dpìstola, forma aferetica di epistola; verso il 1600 indicava uno ‘scritto o discorso esortativo o che esprime enfasi e retorica’, ma soltanto una cinquantina di anni prima era ancora una ‘lettera d’amore’. Come dall’amore, passando per l’enfasi, si sia arrivati alla noia un po’ ridicola di un pistolotto non è dato sapere: forse le missive d’amore a chi non ama sembrano inutili e noiose e, insomma, se non fosse venuto in aiuto il nascente romanticismo, magari le lettere di Werther sul suo amore per Lotte avrebbero potuto sembrare, a qualche cinico lettore, dei “ridicoli pistolotti”.
E così ho ricordato una poesia di Álvaro de Campos, eteronimo di Fernando Pessoa.

      Todas as cartas de amor são
       Ridículas.
       Não seriam cartas de amor se não fossem
       Ridículas.

       Também escrevi em meu tempo cartas de amor, 
       Como as outras,
       Ridículas.

       As cartas de amor, se há amor, 
       Têm de ser
       Ridículas.

       Mas, afinal,
       Só as criaturas que nunca escreveram 
       Cartas de amor 
       É que são
       Ridículas.

       Quem me dera no tempo em que escrevia 
       Sem dar por isso
       Cartas de amor
       Ridículas.

       A verdade é que hoje 
       As minhas memórias 
       Dessas cartas de amor 
       É que são
       Ridículas.

       (Todas as palavras esdrúxulas,
       Como os sentimentos esdrúxulos,
       São naturalmente
       Ridículas.)

‘Pistolotto’ non è una parola sdrucciola.

 

Dolcetto o teschietto?

Giorni di zucche, streghe, ragnatele e scheletri. Fin qua tutto in linea con Halloween. Ma immancabilmente lo scheletro si riassume nel teschio e il teschio fa subito pirata.

Questa bandiera sventola davanti a un negozio di giocattoli nel centro storico di Genova e, inconsapevolmente, ne racconta sui pirati e in qualche modo rappresenta un mio “dada” scolastico, un “attrait motivationnel pro francophonie” non da poco:- Alors, les enfants, capitain Jack Sparrow, évidemment, il parle français. Sapristi, et vous? Il faut s’y mettre, à l’abordage!-

Il “parler” (o anche parlez oppure parley)  indica una forma di negoziazione verbale con un capo, un capitano, un re. Nell’Alto Medioevo, con le monarchie nazionali nascenti e in espansione, il “parler” era proprio un incontro tra re o tra il re e i suoi notabili: non a caso, nello stesso periodo, nascono i “parlamenti”, certo dal latino parliamentum, ma in cui la radice “parlare” è ben evidente. Anche Urban Dictionary riporta questo significato e fa riferimento proprio a Jack Sparrow.

Semplificando si potrebbe fare cominciare la storia francofona della pirateria con Eustache Le Moine, verso la fine del XII secolo: sarà al soldo di Giovanni Senza Terra, un Plantageneto, di cui diverrà ammiraglio, poi di Filippo Augusto, un Capetingio. Qualche tempo dopo, Francesco 1° acquisterà navi da Jean Ango, armatore di mestiere, certo, ma anche probabilmente amante di Margherita di Navarra e pirata di successo contro Spagna e Portogallo: sottrae un tesoro proveniente dal Messico e destinato a Carlo V. 
Un po’ pirata e un po’ signore, con la fortuna messa insieme negli anni di scorribande piratesche, sovvenziona, tra le sue altre imprese di cartografo esploratore, l’esplorazione dell’Hudson, guidata da Giovanni da Verrazzano. Chi mai, correndo la NYCMarathon, avrà rivolto un pensiero al pirata esploratore?
Nel XVII secolo, vicende di re e di pirati, si intrecciano ancora: Luigi XIV era certo al corrente che M.me de Maintenon, prima sua amante e poi sua sposa, che si prendeva cura dei suoi figli bastardi, aveva acquisito il titolo di marchesa insieme al castello, venduto dal Marquis de Maintenon che, per conto dello stesso re, faceva il filibustiere alle Antille! Per inciso: M.me de Maintenon era la nipote di Agrippa d’Aubigné, il poeta de “Les Tragiques”.
Con l’approssimarsi dell’égalité del secolo dei lumi, poi, ci saranno anche due donne pirata: Jacquotte De la Haye et Anne Dieu-le-vaut.

E tra capitani al soldo del re, nobili decaduti che si vendono il titolo per un veliero, armatori dei sovrani, si arriva fino a Emmanuel Wynne, a cui si deve la Jolly Roger, o meglio  joli rouge. Le bandiere pirata, dette jack, erano nere o rosse; quelle rosse erano le più temute, pare colorate addirittura col sangue. All’inizio del XVIII secolo, comparve dunque questa, che diventerà la più famosa, il classico della pirateria: cranio su tibie incrociate. Nella pronuncia inglese, joli rouge viene facilmente storpiato in jolly rougé e poi in Jolly Roger, forse anche con la complicità dell’Old Roger, il diavolo…

E poi anche la bandiera di Sandokan era rossa, non dimentichiamolo!